Da Android a iPhone : La mia esperienza (Giorno 3 | La condivisione dei file)

Hey, ma sono già passati tre giorni? Sono volati! 🙂

Scherzi a parte, oggi mi sono scontrato con il più grosso limite del sistema operativo iOS, la condivisione e l’ accesso ai file.

iPhone 5S Oneplus One

Utilizzo lo smartphone anche per esigenze lavorative. La mia mansione prevede spesso di utilizzare la fotocamera del mio dispositivo per scattare foto a dei particolari e successivamente girarle al mio responsabile per l’archiviazione o farle stampare direttamente (in entrambi i casi le immagini devono passare da una pendrive)

Con Android nessun problema, ci sono diverse opzioni di trasferimento.

  1. Invio file via Bluetooth (poco utilizzato)
  2. Invio file via Wifi (poco utilizzato)
  3. Passaggio dei file direttamente ad una chiavetta grazie ad un adattatore USB OTG
  4. Invio per posta elettronica
  5. Utilizzo dell’ app Bump
  6. Collegamento dello smartphone ad un PC/MAC

Ultimamente trovo comodissimo utilizzare le nuove chiavette USB/Micro USB On The Go. Apro un file manager, seleziono le foto o i file che devo copiare, inserisco la chiavetta nella Micro USB, copio il tutto e via.

Con iOS? la situazione si complica… (nel mio caso)

Le possibilità di condivisione sono le seguenti :

  1. Invio di file tramite Airdrop (compatibile solo tra dispositivi iOS)
  2. Invio per posta elettronica
  3. Utilizzo dell’ app Bump
  4. Collegamento dello smartphone ad un PC/MAC

Il primo punto è da scartare a priori, Airdrop nel mio caso è inutile.

Stesso discorso per l’ app Bump. Io devo copiare i file su pendrive, ho provato a fare Bump con la chiavetta ma niente da fare.. 😛

L’ invio per posta elettronica può essere utile nel caso di qualche immagine, ma quando le immagini diventano numerose non è più una soluzione ottimale.

Il collegamento ad un PC/Mac sembra l’ unica soluzione, poichè se si collega un iPhone ad un computer abbiamo accesso alla cartella delle immagini.  Peccato che non ho con me il cavetto (maledetto) Lightining visto che anche oggi me lo sono dimenticato a casa. Nel caso avessi dovuto trasferire su pendrive un allegato PDF ricevuto via posta, non avrei potuto fare comunque niente.

Su iOS non ci sono applicazioni che gestiscono i file e quindi è impossibile estrapolare un file che abbiamo scaricato.

Come ho risolto il problema?

Mi sono fatto prestare un cavetto da un collega e ho scaricato le foto.

Le prossime volte, oltre a portarmi il cavetto, utilizzerò un accessorio che ho recensito qualche settimana fa, il Mobile Lite Wireless G2. Posso collegarci la pendrive e copiare le foto trasferendole via WiFi.

Capitolo batteria.

Oggi è andata maluccio, la fotocamera ha consumato parecchia batteria e mi sono ritrovato alle 14:00 con il 15% di batteria rimanente.

IMG_0026

Mi ero portato una batteria con cavetto lightning integrato ma il signor 5S ha fatto lo “schifignoso”

IMG_0027

Dopo diversi tentativi è iniziata la ricarica.

 

Vi aspetto nei commenti, magari mi suggerite qualche soluzione!

 

A domani con il prossimo episodio.

 

 

About Diego Cervia

Diego Cervia, 38 anni di Sarzana (SP) Ho aperto questo blog nel lontano 2008 perchè la mia passione sono gli smartphone (nel 2008 erano cellulari!) e le nuove tecnologie, con uno sguardo ai droni e alla domotica. Metto a disposizione le mie conoscenze e cerco di aiutare ad utilizzare al meglio i propri device. Se hai bisogno di qualche informazione, contattami!

Check Also

EZVIZ festeggia la primavera con 13 giorni di sconti su telecamere e accessori!

A partire dal 1° di Aprile (non è uno scherzo!) EZVIZ lancia la promozione primaverile …

37 comments

  1. potresti usare MEGA come servizio cloud ed aggiungere il tuo Capo agli amici, dopodiché ti crei una cartella e consenti esportare in automatico le foto; a questo punto condividi con lui tutto quello che vuoi.
    Non so potrebbe essere un’idea 😉

  2. Uso il backUp delle foto sia di Google che di Dropbox, ma il problema è che in azienda quella tipologia di siti è vietata e filtrata 🙁

  3. azz questo si che è un bel problema…non l’avevo preso in considerazione..

  4. Con app tipo File Hub o File Transfer puoi inviare le foto fatte da iPhone via wifi. Per altro è in po’ un macello in effetti.

  5. Massimiliano Spiccia

    Io le ho provate e funzionano una volta ogni tre, e quando funzionano si bloccano al primo invio.

  6. We transfert no?

  7. Lorenzo Saraniti

    Avete bloccato Dropbox e Google? Oh mamma , ma perchè mai xd

  8. Un semplice programma di condivisione dei file in locale, multipiattaforma é Instashare 😉

  9. La rete aziendale è tutta chiusa 🙁

  10. La rete aziendale non lo permette 🙁

  11. Non puoi fare una semplice connessione diretta tra telefono e computer? E poi usi Instashare… Che cmq dovrebbe funzionare anche su reti “blindate”, alla fine é una condiusiobe locale.

  12. Il problema è che non si possono installare software sui PC. Fai conto che i PC non esistano 😛 LOL

  13. Commenti? Ho android ed Apple e sono perfettamente d’accordo. Apple è limitato, è in comodato d’uso, non acquisti un apparecchio, lo affitti, non è tuo, non lo hai come proprietà e non puoi vederlo dentro, cosa essenziale per chi usa files, li crea e poi non sa dove sia finito… Apple è limitato anche per una altra faccenda: se ti crei una cartella di pagine html e foto perchè cosi in un unico posto hai i riferimenti dei percorsi da fare in ferie… NON li puoi utilizzare con il browser, è obbligatorio trasformare tutto in PDF, spedirtelo via posta e caricarlo (non so dove) Altro? IL GPS non è un GPS, è solo l’identificativo della posizione tratto dalla SIM. Senza SIm il GPS te lo dimentici. Android ha il GPS nativo, da solo, il che è tutto dire, se stai all’estero.
    Saluti!

  14. Allora passa i dati tramite instashare ad un android che andrà a scriverli sulla chiavetta… ^__^ Cmq il tuo é davvero un caso limite…

  15. Soluzione: LASCIA PERDERE, ma perchè questo masochismo 🙁
    nn so come fai…4 pollici…batteria pessima…nessuna possibilità di condivisione…in 3 giorni… se arrivi a una settimana dovresti battere sicuramente un qualche record mondiale XD

  16. ah che poi cavetti? con android non esistono se nn per caricare…uso anche airdroid per trasferire da pc a smartphone in wifi e viceversa…nemmeno a pensarci a ricambiare…magari qualche utente IOS verrà illuminato dalla tua esperienza…speriamo per loro 😀

  17. Ho capito che iphone è buono per complicare la vita oltre che per fare i fighetti 🙂 Ma dai…

  18. Giovanni Gonella

    Mi sa che l’unica soluzione che hai è collegare l’iphone al pc tramite cavetto. Se non puoi accedere a siti come dropbox o google drive, immagino che non puoi nemmeno installare le loro app. Altrimenti potresti installare icloud e faresti prima.

  19. ma ci rendiamo conto che è impensabile fare tutti questi “escamotage” utilizzando il cellulare con il sistema mobile più evoluto al mondo? un cellulare da 750€ ti deve accontentare sempre, punto.
    Se pensi che la concorrenza ti offre di più alla metà del prezzo (vedi nexus e one plus one) viene spontaneo chiedersi: perchè iPhone vende ancora così tanto? 🙂

  20. Ma che minchia dici Luigi, dove le hai trovate ste cazzate su Apple?
    Da quando in qua quando acquisti un IPhone lo acquisti in comodato???
    Il GPS necessita della SIM o di una connessione WiFi, come qualsiasi altro dispositivo (ebbene si anche Android), per vedere le mappe se non hai acquistato un programma di navigazione offline.
    Se non sai usare IOS non è un problema di Apple.
    E’ vero che comunque è più protetto di qualsiasi altro, però ti faccio notare che l’agenzia di sicurezza Americana lo ha adottato al posto del BlackBerry proprio per la sua sicurezza (non hanno neppure preso in considerazione Android.

  21. Il sistema più evoluto del mondo… ehm in cosa? La fluidità? E poi? Poi nient’altro!!

  22. Giovanni Gonella

    Ciao Diego, ne approfitto per ingraziarTi. Nei vari blog/siti si leggono le recensioni dei vari smartphone, etc. Con questi articoli “di uso quotidiano”, riesci a mettere in luce problemi che altrimenti non verrebbero fuori in una normale review.
    Io devo cambiare cellulare nei prossimi mesi e pur sapendo della chiusura di ios non ho mai pensato al problema “condivisione file” che potrei avere nell’uso quotidiano rispetto al mio galaxy note.

  23. Ciao Giovanni, grazie! L’idea è proprio questa, cercare di chiarire con più articoli le vere differenze che hanno i due sistemi operativi. Spesso si acquista solo perché è Figo o fa moda, ma dietro una spesa elevata secondo me ci deve essere un ragionamento che si basa sempre sulla domanda : a cosa mi serve? 😉

  24. Stamani ho provato con il mobile lite Kingston e per le foto funziona alla grande. In pochi istanti sono nella chiavetta usb 😉

    Per i documenti, c’è android 😉

  25. Credo che la parte “è in comodato d’uso” sia riferito al fatto che DI BASE iOS non permette di accedere a tutte le cartelle”interne” e quindi Luigi non riesca a sentirsi suo quel determinato dispositivo Apple (se ho interpretato male scusatemi).
    Neanche android permette di entrare in tutte le cartelle (solo tramite root si può a tutte le cartelle system compresa) ma almeno ti lascia trafficare con tutti i file utili (foto,video,PDF and co).
    Il GPS nei dispositivi android è indipendente dalla scheda SIM tant’è che nelle ultime versioni di android c’è la possibilità di decidere 3 diversi livelli di localizzazione perché se non vuoi usarla localizzazione “data” dalla SIM puoi utilizzare o solo il GPS o quella data da WiFi e rete mobile oppure la terza che è SIM, WiFi e GPS.

  26. Credo che la parte “è in comodato d’uso” sia riferito al fatto che DI BASE iOS non permette di accedere a tutte le cartelle”interne” e quindi Luigi non riesca a sentire suo quel determinato dispositivo Apple (se ho interpretato male scusatemi).
    Neanche android permette di entrare in tutte le cartelle (solo tramite root si può accedere tutte le cartelle system compresa) ma almeno ti lascia trafficare con tutti i file utili (foto,video,PDF and co).
    Il GPS nei dispositivi android è indipendente dalla scheda SIM tant’è che nelle ultime versioni di android c’è la possibilità di decidere 3 diversi livelli di localizzazione perché se non vuoi usarla localizzazione “data” dalla SIM puoi utilizzare o solo il GPS o quella data da WiFi e rete mobile oppure la terza che è SIM, WiFi e GPS.

    PS: non riesco a correggere il commento qui sopra chiedo scusa per gli errori.

  27. Scusa ma la tua rete aziendale blocca anche iCloud.. perché io le foto fatte dall’iphone le ho sul mac nella cartella icloud senza collegarlo. e comunque mi sembrano più limiti della rete aziendale che del telefono… hai scartato diverse soluzioni per limiti della rete e non dell’iphone.

  28. Diciamo che i mac non esistono e la rete blocca tutto. È una azienda militare…
    Diciamo che il limite è di entrambi, ma con android il problema non sussiste 😉

  29. incredibile il cell. più avanti di sempre crea questi problemini. 😉

  30. CONCORDO

  31. Perfettamente d’accordo con te ma questa è l’Italia amico mio e lo ribadisco…! Le cose, ma dico tutto eh non solo i cellulari, prima sono MODA, poi si vede tutto il resto…! E io intanto continuo ad essere felice cliente Motorola, che la gente mi vede e ne resta esterrefatta, poi il resto che vada a fare in……… E scusate ma quando ci vuole ci vuole!

  32. Interessante quello che stai facendo Diego, grazie.
    Una domanda però : l’usb otg 2 in 1non funziona bene in tutti gli android, anzi nell’android per eccellenza (nexus) se non erro non funziona,neanche su htc one in quanto non ha file manager, ma anche nel 1+1 non funziona?

  33. Grazie! Sui nexus non funziona, è vero, ci vuole il root. Su One basta installare un file manager ma non ti permette di prelevare file dalla Sd, per colpa di una restrizione di kitkat. Mentre su oneplus funziona bene !

  34. Sui Nexus basta usare il software nexus Media Importer e funziona anche senza root spendendo 3,07 euro .L’ho provato su Nexus 7 e su Nexus 5