Home / News / La nuova tassa S.I.A.E. in vigore dal 23 marzo 2010 su cellulari e apparecchi informatici.

La nuova tassa S.I.A.E. in vigore dal 23 marzo 2010 su cellulari e apparecchi informatici.

A partire dal 23/03/2010 entrerà in vigore un decreto relativo all’applicazione
della SIAE sui nuovi supporti, dopo i CD, DVD, e Nastri.

image

Questa volta ad essere colpiti saranno computer, lettori mp3, chiavette USB, cellulari e hard disk esterni
con ovvie levitazioni di prezzo visto che la tassa viene calcolata sulla capacità di memorizzazione.

Questo per recuperare in un modo abbastanza discutibile gli introiti persi dalla circolazione di materiale pirata privo di diritto d’autore.

Anche se tu non hai mai scaricato un brano illegale, pagherai per tutti.

Ecco le cifre del decreto

– Supporti Audio Analogici: 23 centesimi per ogni ora di registrazione musicale

– Supporti Audio Digitali (CD, DVD, ecc): 22 centesimi
per ogni ora di registrazione musicale

– CD-R: 15 centesimi ogni
700 Mb di capacità dati e 0.22 per ogni ora di registrazione
audio

– Supporto Video analogico: 0.29 centesimi ogni ora di
registrazione

– Supporto Video digitale: 0.29 centesimi ogni ora
di registrazione

– DVD riscrivibili: 41 centesimi ogni 4,1 GB

-Masterizzatori: 5% sul prezzo

Memorie (MicroSD e removibili ) tassa esclusa fino a 32 MB (come se oggi esistessero hard
disk da 32 Mb!!!)

0.05 euro a GB fino a 5 GB
0.03 euro oltre i 5 GB

Per il primo e secondo anno, l’importo massimo sarà di 3
euro e 5 euro per il terzo anno.

Chiavette Usb tassa
esclusa fina a 256 MB
0.10 euro a GB fino a 4 GB
0.09 euro oltre i 4 GB

Per il primo e secondo anno, l’importo massimo sarà di 7 euro a chiavetta e 9 euro per il terzo anno.

Memorie (Hard Disk esterno)
0.02 euro a GB fino a 400 GB (8 euro per i iprimi 400 GB)

0.01 euro oltre i 400 GB

Per il primo e secondo anno, l’importo massimo sarà di 12 euro e 20 euro per il terzo anno.

Un Hard disk classico da 1 TB (1024 GB) costerà quindi 12 euro di SIAE per arrivare in futuro anche a 20-25 euro.

Memorie (Hard Disk interno, quote fisse per Hard Disk)

Si considerano gli Hard Disk solo di Pc, Netbook e Notebook

3.22 euro fino a 1 GB
3.86 da 1 a 5 GB
4.51 da 5 a 10 GB
5.15 da 10 a 20 GB
6.44 da 20 a 40 GB
9.66 da 40 a 80 GB
12.88 da 80 a 120 GB
16.10 da 120 a 160 GB
22.54 da 160 a 250 GB
28.98 oltre i 250 GB
32.20 oltre i 400 GB con applicazione dal secondo anno

2.76 euro ogni 200 GB aggiuntivi sopra i 500 conapplicazione dal secondo anno.

In sintesi, per Notebook e Computer la tassa sarà di circa 30 euro e 2.40 euro aggiuntivi se contiene masterizzatore o 1.90 se non dispone di masterizzatore interno.

Lettori
Mp3 (quota fissa per lettore)

0.64 euro fino a 128 MB
2.21 da 128 a 512 Mb
3.22 da 512 MB a 1GB
5.15 da 1 a 5 GB
6.44 da 5 a 10 GB
7.73 da 10 a 15 GB
9.66 oltre 15 GB
12.88 oltre i 20 GB
2.76 euro ogni 10 GB aggiuntivi sopra i 20 GB con applicazione dal secondo anno

Cellulari e Smartphone

0.90 centesimi per dispositivo

Benissimo!

Adesso i DVD sono tra i più cari d’Europa, se non i più cari..

Come ho già scritto in precedenza non trovo giusto questo provvedimento.

Perché devo pagare la S.I.A.E. per masterizzare un mio DVD, con le mie foto di cui io sono l’autore?

Tenendo conto che il computer che utilizzerò e la memoria della fotocamera sono tassate pure quelle..

Grazie ad Ivan per la segnalazione!

Qui un articolo del sole24ore

A presto

About Diego Cervia

Diego Cervia, 38 anni di Sarzana (SP) Ho aperto questo blog nel lontano 2008 perchè la mia passione sono gli smartphone (nel 2008 erano cellulari!) e le nuove tecnologie, con uno sguardo ai droni e alla domotica. Metto a disposizione le mie conoscenze e cerco di aiutare ad utilizzare al meglio i propri device. Se hai bisogno di qualche informazione, contattami!

Check Also

Recensione IMOU CUE 2 : Telecamera di sicurezza da interno con audio e allarme!

Dopo avere recensito la telecamera IMOU Ranger 2 (qui la recensione), è arrivato il momento …

One comment

  1. Dopo aver introdotto un provvedimento del genere, sarebbe giusto che la copia ad uso personale venisse completamente legalizzata, e che i proventi raccolti venissero poi distribuiti equamente tra gli artisti in base alle preferenze degli utenti. Già, sarebbe equo e ragionevole, se a decidere fossero persone di buon senso, ma purtroppo non è così, e finché ci terremo questa classe dirigente, ci potremo solo aspettare che le cose vadano sempre peggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.