Home / News / Ciabatta SMART Meross : La comandi con lo smartphone e con Google HOME!

Ciabatta SMART Meross : La comandi con lo smartphone e con Google HOME!

L’arrivo della domotica nelle case è una figata. Si inizia con un accessorio e si finisce inevitabilmente di riempire la propria abitazione.

L’ultima diavoleria che ho acquistato è una ciabatta MEROSS con 3 prese Schucko e 4 USB che si comanda da remoto attraverso l’app, oppure vocalmente grazie a Google Assistant, Alexa e Google HOME!

Il prezzo è di soli 22,99 euro ed è la più venduta su amazon.

Vediamola nella recensione!

La ciabatta Meross è tutta in plastica bianca lucida, c’è da dire che rispetto alle ciabatte classiche è un pochino più ingombrante.

Caratteristiche tecniche :

  • Modello: Meross MSS425E
  • Ingresso: 100-250V ~, 50 / 60Hz, 10.0A
  • Uscita 3 schucko : 100-250 V ~, 50 / 60Hz, carico massimo 10 A
  • USB : 2.4A singola porta, 4A tutte le porte insieme
  • WLAN: IEEE 802.11 b / g / n, 2,4 GHz, 64/128 bit WEP, WPA-PSK / WPA2-PSK
  • Dimensioni: 265x66x40 mm (senza cavo di collegamento). Cavo di collegamento lungo 172mm

Consumo

  • Consumo in standby: 0,9 watt
  • Porte USB attivate: 0,9 watt
  • 1 slot acceso: 1,2 watt
  • 2 slot attivati ​​1,5 watt
  • 3 slot attivati ​​1,8 watt

Troviamo il tasto fisico per l’accensione e spegnimento manuale nella parte anteriore, vicino al cavo per l’alimentazione.

Sotto ci sono ben 4 porte USB in grado di erogare 2,4 A di potenza (4A se usate tutte assieme) e capaci di intuire di quanta corrente ha bisogno il dispositivo da caricare.

Infine troviamo tre classiche prese Schucko (max 10A)

 

Facile da configurare

La configurazione è semplice ed immediata, grazie all’applicazione Meross da scaricare per iOS e Android.

Alla prima accensione è necessario effettuare la registrazione.

Si inserisce il modello della ciabatta, si collega alla rete wifi e il gioco è fatto.

 

Effettuerà un aggiornamento firmware e dopo circa 2 minuti sarete pronti ad utilizzare la ciabatta.

Si possono accendere e spegnere ogni singola presa schucko, in questo caso quindi 3.

Mentre le 4 porte USB sono comandate tutte assieme (non è possibile accenderne una sola ad esempio)

Utilizzo con Google Home e Google Assistant.

Per controllare la ciabatta vocalamente grazie a Google Home o Google Assistant, dovrete eseguire questi semplici passaggi.

  • Aprite l’applicazione Google Home
  • Andate nel menù controllo domestico e premete il tasto + che trovate in basso a destra.
  • Cercate la voce MEROSS, ed eseguite il login.
  • Vi apparirà nella lista dei vostri dispositivi e vi consiglio di rinominare il nickname a vostro piacimento.

Una spiegazione più accurata la trovate nella vide recensione

Ma a cosa serve una ciabatta collegata al WiFi?

In caso di necessità si può accedere da remoto e gestire ogni singola presa.

Si può utilizzare per alimentare una piantana e accendere la luce vocalmente oppure con lo smartphone, oppure avviare elettrodomestici, come ad esempio un ventilatore o altro.

Io la utilizzo anche per accendere e spegnere il fornelletto anti zanzare, in modo da farlo funzionare quando non sono in casa e associato con il velux (con zanzariera è!) che si apre a determinati orari per areare la stanza.

Conclusioni e dove acquistarla

Se cercate una ciabatta smart, la vostra scelta deve cadere su questa. Il suo funzionamento è impeccabile, l’applicazione è semplice e immediata e il prezzo è assai conveniente!

Si acquista su amazon a questo link, il prezzo è di 22,99 euro.

 

AGGIORNAMENTO 15/08

Grazie al codice sconto : MXFUA9YY la pagate 17,49 euro!

 

AFFARE!

 

A presto.

About Diego Cervia

Diego Cervia, 38 anni di Sarzana (SP) Ho aperto questo blog nel lontano 2008 perchè la mia passione sono gli smartphone (nel 2008 erano cellulari!) e le nuove tecnologie, con uno sguardo ai droni e alla domotica. Metto a disposizione le mie conoscenze e cerco di aiutare ad utilizzare al meglio i propri device. Se hai bisogno di qualche informazione, contattami!

Check Also

Ho scelto iPhone XS MAX al posto di Galaxy NOTE 9 e vi spiego il perché. | VIDEO

Quando hai la fortuna (come nel mio caso) di provare i principali smartphone top di …