Interessante comparativa tra HTC EVO 3D e LG Thrill 4G (Optimus 3D)

Su PhoneArena è stata pubblicata una comparativa tra due attesissimi terminali i quali apriranno la strada ad una tecnologia che molte persone non avrebbero mai pensato avesse potuto essere realizzata: l’autostereoscopia.

Possiamo forse ringraziare Nintendo che , con il 3DS che da domani sarà ufficialmente disponibile all’acquisto, ha portato all’attenzione del mondo la tecnologia che permette la percezione di una “reale” terza dimensione su un piano a due dimensioni.

 

Certo esistevano già esemplari di schermi autostereoscopici in passato, ma erano prototipi o equipaggiavano terminali destinati a rimanere ai più sconosciuti, in quanto commercializzati solo ed esclusivamente in paesi asiatici.

Tornando a noi, il primo dei due contendenti purtroppo potrebbe subire la stessa sorte di quest’ultimi in quanto, per quanto ci è dato sapere finora, rimarrà un’esclusiva dell’operatore telefonico americano Sprint; il secondo invece verrà da noi commercializzato col nome di LG Optimus 3D.

Personalmente spero che arrivi da noi, in quanto questo Evo 3D ha tutte le carte per essere veramente competitivo nel nuovo mondo dei terminali dual core che sta prendendo vita. La prima di queste carte è sicuramente la velocità;  la nuova Sense vola!

Dai video in rete (e qui potrete vederne molti sempre realizzati da PhoneArena) , si nota come basti un semplice sfioramento per vedere le widget della nuova interfaccia HTC roteare senza il neppur minimo lag;  nessun lag neppure nella navigazione tra i vari menu.

Certo è che bisognerà vedere come il terminale si comporterà una volta riempito di applicazioni e file multimediali. In aiuto viene però la nuova versione 2.3 Gingerbread di Android che ha risolto molti dei problemi di stabilità e rallentamenti delle versioni precedenti.

C’è inoltre da dire che qui ci troviamo di fronte a quello che gli anglosassoni chiamano una “powerhouse”, ossia un hardware spettacolare: processore dual core da 1.2GHz, contro 1GHz dell’LG Thrill 4G, 1GB di RAM contro i 512MB e per ultimo, ma non per importanza, uno schermo da 4.3″ con risoluzione qHD da 540×960, contro il 4.3″ da 480×800 pixel dell’LG.

Quest’ultima specifica deve essere considerata con attenzione. Va ricordato che per creare un’immagine sterescopica vengono generate in pratica due immagini identiche, ognuna delle quali ad una risoluzione pari alla metà della risoluzione effettiva dello schermo, per essere poi sovrapposte e sfalsate di una distanza proporzionale all’effetto di profondità che vuole essere simulato. Così facendo il singolo occhio, grazie alla barriera di parallasse (tecnologia alla base dello schermo autostereoscopico), può catturare solo una delle due immagini, permettendo così al cervello di creare l’effetto di profondità voluto.

Si capisce, quindi, quanto sia importate avere una maggiore risoluzione iniziale in modo da avere un dettaglio superiore anche nelle immagini create a risoluzione dimezzata.

Su una cosa però sembrerebbe superiore LG Thrill 4G (aka LG Optimus 3D), ossia la piattaforma OMAP4430.

Dai primi benchmark effettuati per l’LG Optimus 3D probabilmente ricorderete il punteggio (stratosferico 🙂 ) di 2800 ottenuto utilizzando Quadrant.  La cosa ancora più eccezionale è che quest’ultimo, da quanto si sa, non è ottimizzato per processori dual core; aggiungendo che il terminale girava con Android 2.2 (versione con la quale verrà inizialmente commercializzato) e che il firmware era in fase acerba, si possono facilmente intuire le potenzialità latenti di questo mostruoso chipset.

Per quanto riguarda l’EVO, nonostante monti il chipset Snapdragon dual core da 1.2GHz, dalle prime indiscrezioni (si parla infatti di “leaked results”) risulterebbe leggermente inferiore per quanto riguarda le prestazioni generali rispetto al Thrill. Bisogna considerare però che l’EVO 3D ha uno schermo con una risoluzione maggiore, il che influisce sicuramente sul calcolo del benchmark.

Tenendo conto che le altre specifiche dei due terminali sono pressoché identiche (EVO 3D ha un flash dual led, mentre Thrill 4G un led singolo) , penso che sarebbe un peccato se non venisse commercializzato da noi.

Non ci resta che aspettare !

About laudiale

Check Also

Tronsmart lancia i nuovi auricolari Onyx Free con sterilizzazione UV.

Curiosa e alquanto bizzarra novità da parte di Tronsmart, azienda che sforna prodotti audio con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.