Da Android a iPhone : La mia esperienza (Giorno 4 | La personalizzazione!)

Oggi parliamo della differenza di personalizzazione tra Android e iOS. I due sistemi operativi hanno un approccio completamente diverso tra loro. 

DSC05115

L’ interfaccia di iOS è rimasta uguale dalla sua nascita. Tutte le app sono visualizzate nella home, si possono creare cartelle, spostare le app e stop.

Android sotto questo di vista è completamente personalizzabile. Esiste un’interfaccia Stock, disponibible sui dispositivi Nexus che spesso e volentieri viene personalizzata dalle varie case.

Samsung ha la touchWiz, Htc ha la Sense e così via.

Apple, con iOS ha cercato di unificare l’ immagine del suo sistema operativo rendendolo uguale per tutti e soprattutto riconoscibile a colpo d’occhio.

Android è uno spirito libero, grazie alla sua natura decisamente “open”  è possibile stravolgere l’ interfaccia, cambiare le icone e personalizzare il personalizzabile, suonerie comprese.

Su iOS la personalizzazione si limita a poche opzioni, che vanno dal cambiare lo sfondo, cambiare lo sfondo e cambiare lo sfondo…No dai, sto scherzando! 😛

Possiamo anche modificare le suonerie delle notifiche, scegliendo da una lista di suoni che ahimè saranno solo quelli. Per quanto riguarda la suoneria della chiamata, c’è la possibilità di acquistarla, ma se avete un brano, magari acquistato da iTunes, e volete impostarlo come suoneria non potete. Se non erro si può fare da iTunes, ma ad essere sincero non ricordo. (rinfrescatemi la memoria nei commenti!)

Su android il discorso è molto diverso. 

Per cambiare la suoneria è sufficiente copiare un file audio dentro la cartella media/ringtones per ritrovarselo nella lista delle suonerie, Ma è anche possibile impostare una canzone come suoneria semplicemente selzionandola dal player musicale. Oppure ci sono le app che vi permettono di cercare suonerie gratuite e impostarle al volo. Possiamo inoltre accedere ad ogni file presenti nel dispositivo, inviare file via BT o WiFi, cambiare la schermata di sblocco etc etc.

Estremizzando la cosa, si potrebbe dire che Apple con iOS ha creato il suo regime di regole e barriere (che le major discografiche adorano) mentre Android è una sorta di “Anarchia”, dove Google ti lascia agire in libertà.

L’ altra faccia della medaglia del “regime” di iOS è la sicurezza di avere un sistema operativo stabile e veloce in ogni situazione, un’ interfaccia semplice e un dispositivo pronto all’ uso in ogni condizione. E questo alle persone piace (inutile negarlo)

La troppa libertà offerta da Google incide soprattutto sul rilascio degli aggiornamenti. Tutte le volte che esce una nuova versione di Android, solo i dispositivi Nexus ricevono l’ aggiornamento subito, tutti gli altri smartphone devono attendere la personalizzazione della casa e questo si traduce in un ritardo che può arrivare anche a mesi.

Spesso mi piace mettermi nei panni di una persona che non sia molto ferrata con i sistemi operativi e gli smartphone e credo che iOS sia più immediato da utilizzare di Android. Molte persone non sono invetrate come il sottoscritto (e molti di voi…) e quando acquistano uno smartphone, lo tengono per parecchio tempo.

Il bello di iPhone è che dopo un anno funziona ancora alla perfezione, mentre un dispositivo Android inizia a rallentare, soprattutto se non è un top di gamma.

Bene, usciamo da questo tunnel e parliamo anche oggi della batteria.

Ho seguito il consiglio di Zenith e ho disattivato alcune localizzazioni.

10538557_10204540559624859_839018079_n

Alle 16 avevo il 17% 

IMG_0052

Non mi sono ancora ancora abituato alle dimensioni “lillipuziane” del display, ma per il momento l’ esperimento sta proseguendo a gonfie vele.

 

A domani!

About Diego Cervia

Diego Cervia, 38 anni di Sarzana (SP) Ho aperto questo blog nel lontano 2008 perchè la mia passione sono gli smartphone (nel 2008 erano cellulari!) e le nuove tecnologie, con uno sguardo ai droni e alla domotica. Metto a disposizione le mie conoscenze e cerco di aiutare ad utilizzare al meglio i propri device. Se hai bisogno di qualche informazione, contattami!

Check Also

Recensione auricolari wireless Soundpeats Mini -Comodi da indossare e leggeri!

Oggi vediamo la recensione di un paio di auricolari true wireless di Soundpeats. Il modello …

20 comments

  1. Massimo Marinelli

    Su ios puoi modificare le suonerie con un app, ringtone architet, sempre passando per iTunes però.

  2. Ciao, su IOS puoi mettere tutte le suonerie che vuoi seguendo dei piccoli passaggi… in poche parole devi prima tagliare il brano quando si trova nella versione mp3 wma ecc. Col tasto destro su proprietà, dopo aver fatto ciò converti il brano tagliato in .acc se nn ricordo male e poi trascini il brano su iTunes il gioco è fatto…ciao a tutti

  3. Basta avere Garageband sull’iphone e puoi creare le suonerie

  4. Mi ero dimenticato di dirti che comunque la batteria ti durerà di più dopo qualche ciclo. per le suonerie, vai su itunes, prendi un brano e nelle informazioni -> opzioni metti un punto di inizio e fine (40sec) esporti il brano in .aac -> lo selezioni e da finder cambi l’estensioni in .m4r e successivamente fai doppio click per riaprirlo in itunes

  5. “Il bello di iPhone è che dopo un anno funziona ancora alla perfezione, mentre un dispositivo Android inizia a rallentare, soprattutto se non è un top di gamma.”
    Solo se non è top di gamma…io ho un Note 3 e non ha subito alcun rallentamento da quando l’ho comprato, anzi con gli aggiornamenti è diventato più veloce, e non l’ho mai formattato…mia moglie ha un Note 2 preso quando è uscito (quindi credo 2 anni?….) e va una scheggia, formattato una volta per eccesso di zelo prima di un aggiornamento, da allora visto che ha appreso di dover reistallare tutte le app non vuole che io lo tocchi

    • Giovanni Gonella

      Concordo. Anch’io con il mio note 2 non riscontro particolari rallentamenti, ma pur installando e disinstallando molte app, soprattutto giochi, cerco sempre di tenerlo pulito. In due anni l’ho formattato anch’io una volta.

      • Io ho avuto tanti Android da quando uscì l’HTC G1 e ho seguito gli sviluppi delle varie versioni…possiedo (oltre al Note 3 come primo telefono) un Iphone 4s, un Nokia 925, un BlackBerry Q5 e un Nexus 4 (sono un pochino malato….lo so) mi sono fatto quindi un’idea dei vari sistemi operativi….ad oggi preferisco Android che è quello più completo….consente di fare tantissime operazioni (rispetto ad altri OS mobili) ma ha bisogno di un buon processore e una GPU performante e soprattutto di almeno 2 Giga di RAM per essere veloce e non subire rallentamenti col tempo, diciamo che ora tutti i Top di gamma Android si sono allineati a queste specifiche e funzionano molto bene tutti….la scelta è questione di preferenze, l’errore che si fa ancora oggi è quello di paragonare Iphone ad Android di fascia media o addirittura bassa….l’iphone è sempre stato un top di gamma, non esiste un iphone con caratteristiche intermedie o basse, quindi il paragone va fatto con gli Android di fascia alta….ed è lì che complessivamente IOS mostra le sue pecche visto che ormai non si può più dire: …ah va bè con android puoi fare più cose ma si impunta….è lento….”

        • Concordo in parte. Se prendi ad esempio un iPhone 4s che Apple continua a vendere, ha un hardware paragonabile a uno smartphone di fascia media, ma funziona comunque bene e sicuramente meglio di un pari hardware android. Chiaramente Apple fa un OS che gira alla perfezione su un determinato hardware, android deve funzionare su harwadre diversi e non è facile.

          • Mmmmh….dipende cosa intendi per bene….possiedo Iphone 4s, lo uso spesso come secondo telefono, con l’aggiornamento ad IOS 7.1 spesso ci sono rallentamenti, nella rotazione delle schermate ad es…..oppure si blocca quando si aggiornano tante applicazioni insieme, in generale fa tutte le operazioni ma spesso in “slow motion” e abituato, non diciamo al Note 3, ma al Nexus 4 (terminale che usavo prima del Note 3 e che ancora possiedo) certe volte diventa fastidioso, un mio amico informatico ha aggiornato il suo Iphone 4 ad IOS 7 ed era diventato inusabile, e siccome non poteva fare più il downgrade ha dovuto cambiar telefono…ora ha un Nexus 5.
            Il Note 2 è uscito ad Agosto 2012, il galaxy S4 ad aprile 2013 e con gli ultimi aggiornamenti Android vanno meglio di prima…diciamo che Iphone per i motivi da te citati (Apple sviluppa l’OS sempre su un determinato hardware) ha una longevita di aggiornamenti maggiore di un annetto, poi inizia a rallentare….d’altronde anche Apple deve vendere modelli nuovi, e fa si che i vecchi non siano troppo “arzilli” ad un certo punto

  6. Giovanni Gonella

    2 cose:
    1) Condivido perfettamente il Tuo discorso sulla personalizzazione. Ios è chiuso e non personalizzabile (a meno che non usi cydia); ad android puoi fare quasi tutto. Ma forse questo sarebbe il male minore. Soprattutto considerando che con ios 8 ci sarà un’apertura maggiore del sistema.
    2) Vero che prima che una batteria raggiunga il suo pieno regime, ci vogliono alcuni cicli di ricarica/scarica, ma al momento la durata della batteria è veramente insufficiente, per non usare altri termini.

    Ti chiedo quindi una cosa: potresti fare un confronto sull’uso delle app tra android e ios? Come funzionano su uno e sull’altro, cosa va bene e cosa andrebbe migliorato.

  7. Scusami Diego, capisco che ci vuoi bene.. ma tutto questo masochismo non lo capisco, potevi tranquillamente fare lo stesso discorso con l’iPhone6, almeno il problema batteria e schermo si spera che lo abbiano risolto..

  8. non sno per niente d’accordo, iphone dopo 1 anno RALLENTA eccome, aspettate la prox versione di ios e vedete come l’iphone 5 diventerà una carretta (come già successo con 4s e ipad 3), ma me lo ricordo solo io con ios7 e lo sfondo che si muove i telefoni tranne il 5 e gli ipad tranne l’air andavano uno schifo inconfronto a prima? mentre htc one, note 2, note 3, nexus 5 vanno perfettamente come il primo giorno…con personalizzazioni, widget, memorie esterne etc etc…finchè si terranno questi luoghi comuni del “l’iphone funziona bene gli altri no”, l’iphone è fluido gli altri no”…la gente continuerà a spendere 730 euro…contenti loro…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.