Facebooktwittergoogle_plus

Galaxy S8 e Galaxy S8+ sono i nuovi top di gamma Samsung annunciati il 29 Marzo e disponibili nei negozi a partire dal 28 Maggio 2017.

Se li acquistate online, ad esempio su amazon, vi arriverà subito dopo Pasqua.

Ho in prova la versione da 6,2 pollici, il Galaxy S8+ e dopo i vari approfondimenti che ho dedicato al dispositivo (qui tutti gli articoli) , ecco la recensione finale!

Samsung Galaxy S8+ : Video recensione

Confezione

Iniziamo dalla confezione, finalmente degna di un vero top di gamma.

Oltre al dispositivo troviamo :

  • Alimentatore per ricarica rapida Samsung Quick Charge (compatibile con la Qualcomm Quick Charge)
  • Cavo Usb Type C
  • Adattatore da Type C a micro USB
  • Adattatore USB OTG per il collegamento di pendrive USB
  • Auricolari AKG (Harman/Kardon) di qualità decisamente superiore alla media.

Il tutto corredato da un manualetto di istruzioni rapide in Italiano e la garanzia di 24 mesi.

Design e materiali

Nella parte frontale regna il glorioso display da 6,2 pollici con risoluzione QHD+ e cornici ridotte al minimo. Il display è dual edge e si va ad incastonare perfettamente nella scocca in metallo. Il dispositivo è solido e costruito in modo impeccabbile. Sembra un pezzo unico di metallo e vetro.

Il colore che ho io è Glacial Silver ed è decisamente più appariscente e cangiante del nero.

Il vetro frontale è trattato oleofobicamente e trattiene in modo davvero minimo le impronte.

Nel retro troviamo al centro la fotocamera posteriore, con a sinistra il sensore per il battito cardiaco con flash a led e a destra il tanto chiacchierato sensore per le impronte.

Lo speaker è posizionato in basso, alla destra dell’ingresso Type C.

Suona forte e ha una buona qualità audio. Non ha l’audio stereo.

Il tasto di accensione è sul lato destro, in alto, comodamente raggiungibile.

Sul lato sinistro troviamo il tasto unico del volume e il tastino dedicato a Bixby, il nuovo assistente virtuale che in Italia sarà disponibile entro fine anno.

Nella parte frontale, in alto, troviamo l’ottima fotocamera da 8 megapixel con una serie di sensori e una seconda fotocamera utilizzata per il riconoscimento del viso e lo sblocco con l’iride.

Il tasto home è stato rimpiazzato da un tasto virtuale, visibile a schermo spento che funziona con una leggera pressione, in quanto solo in quel punto vi è un sensore di pressione, che vi darà la sensazione aver premuto un tasto fisico, tipo i nuovi iPhone 7 per intenderci.

Lo smartphone è certificato IP68, resiste all’acqua dolce e alla polvere.

Ergonomia

Galaxy S8+ lo possiamo tranquillamente inserire nella cerchia estesa dei padelloni, ma a differenza di altri competitor, il device risulta più longilineo e si maneggia leggermente meglio.

Dalle immagini sembra enorme, ma se lo affianchiamo ad un iPhone 7 Plus, ci accorgeremo che è più lungo di circa 1 mm.

Rispetto ad S7 edge invece, la differenza è più visibile.

Tuttavia, grazie ai bordi stondati si riesce a utilizzare senza problemi, soprattutto se avete avuto un iPhone 7 Plus 😀

Hardware

In Europa Galaxy S8 e Galaxy S8+ hanno il processore Samsung Exynos 8895, un octa core in grado di arrivare fino a 2,3 GHz, realizzato con processo produttivo a 10nm. La RAM è da 4 GB, la memoria interna  è da 64 GB ed è espandibile via Mocro SD.

Se non ricordo male, al primo avvio avete circa 46 GB di spazio libero.

La rete è LTE, il bluetooth è nella versione 5.0 ed è in grado di gestire due dispositivi audio in contemporanea.

Il Wifi è di tipo ac ed è dual band ed è presente anche il chip NFC.

Manca la radio FM e il sensore infrarossi.

Display

La diagonale è di 6,2 pollici, è curvo ai lati, ha una risoluzione WQHD+ (2960 x 1440 pixel) ed è di tipo Super Amoled.

Una goduria per gli occhi! Colori vivaci (che potete modificare), neri profondi e ottima visibilità sotto la luce diretta del sole.

Il top, mai visto un display del genere su uno smartphone.

Il ratio o forma del del display è 18:5.9, una forma che inizialmente penalizzerà diverse applicazioni, poiché quelle meno famose non supportano questa speciale forma e verranno visualizzate con due orribili bande nere in alto e in basso.

Software e sicurezza.

Per scoprire come utilizzare Galaxy S8 + ho registrato un focus sull’interfaccia.

Samsung Galaxy S8+ : Tutte le novità dell’interfaccia software! | Tutorial

Android, nel momento in cui scrivo, è aggiornato alla versione 7.0, l’interfaccia è la nuova Samsung experience, che prende il posto della oramai vetusta touchwiz (o lagwiz se preferite).

Dal punto di vista prettamente grafico, mi piace.

Il nuovo design è pulito e semplice, le icone stilizzate non mi dispiacciono e l’usabilità generale è ai massimi livelli. Pochi micro lag e sistema sempre pronto all’uso e rapido nel rispondere ai nostri comandi.

Molto comodo è lo swipe (dall’alto verso il basso o viceversa) per richiamare il menù delle applicazioni.

La griglia della home è impostata su 5 file di icone per 5, ma si può modificare in 4×6 o 4×5.

Dal punto di vista della personalizzazione troviamo i temi (non proprio tutti bellissimi), gli sfondi (quelli infiniti sono stupendi), le icone e i mini temi per l’always on display.

Nella home, se facciamo uno swipe da sinistra verso destra o premiamo il tasto dedicato, appare Bixby Home, una specie di aggregatore di notizie, informazioni e abitudini, che con l’utilizzo quotidiano del dispositivo ci mostra le informazioni che ritiene ottimali in un determinato momento, come ad esempio appuntamenti imminenti, persone chiamate sempre al solito orario e altro.

La vera novità, ovvero Bixby Voice, non è ancora disponibile in Italia, lo sarà a fine anno.

Come oramai samsung ci ha abituati da qualche anno, è presente il multischermo, che mai come quest’anno risulterà utile.

Grazie al display da 6,2 pollici avremo lo spazio per utilizzare in tutta comodità due applicazioni e pure la tastiera! Inoltre è possibile ritagliare una porzione di app e fissarla in alto, al di sopra di tutto.

Tra le varie applicazioni che Samsung ha pre installato nel dispositivo (hai detto bloatware?) troviamo :

Area personale : una zona privata criptata e protetta da Knox, dove possiamo nascondere file, documenti, immagini e applicazioni. Per accedere è necessario impostare una password, l’impronta digitale o il riconoscimento degli iridi.

Samsung Note : Un blocco note digitale che permette di prendere appunti al volo, con la possibilità di aggiungere foto, video, posizione e altro.

Archivio : un comodo file manager (vi ricordo che con l’adattatore in dotazione potete leggere chiavette USB)

Tutta la suite Microsoft Office + Skype : World, Excel, Power point e one note (non disinstallabili)

Registratore vocale : il nome dice già tutto

Samsung Health : Applicazione dedicata al fitness in grado di contare i passi (con il dispositivo in tasca), monitorare gli allenamenti e tracciare i percorsi.

Galaxy Apps : Store di samsung cone le sue applicazioni ed alcuni giochi gratuiti.

Promemoria : Crei promemoria (scrivendo), con la possibilità di essere avvisati ad un determinato oraio o in base alla posizione.

E adesso parliamo della sicurezza.

Ci sono 4 livelli di protezione, che vi elencherò dal più sicuro a meno sicuro.

Il primo è lo scanner dell’iride. Per sbloccare il dispositivo bisogna accendere il display, effettuare uno swipe ed inquadrare i nostri occhi. Per funzionare bene ci devono essere determinate condizioni di luce, poichè con troppa luce diretta sulla camera frontale, non funzionerà. Tuttavia, è solo questione di abitudine, con il tempo imparerete a posizionarlo nella maniera giusta e vedrete di quanto è semplice e rapido. C’è molto scetticismo su questa funzione, ma prima di criticarla, vi consiglio almeno di provarla 😉 Io la uso come sblocco principale e quando non voglio usare gli occhi inserisco il pattern con i puntini.

Il secondo sistema di sblocco è il riconoscimento dell’impronta digitale. La posizione è talmente infelice che lo userete poche volte. Messo al fianco della fotocamera, così in alto, non ha proprio senso. Peccato, perché è più veloce di S7 (che era lentissimo) e con uno swipe è possibile richiamare la barra delle notifiche.

Il terzo è il classico pattern con i puntini da unire.

Il quarto è il riconoscimento del viso, che tra tutti è forse il più veloce, ma basta una semplice foto per ingannare il sistema. Ocio!

Nelle impostazioni troviamo un nuovo menù dedicato alla manutenzione del dispositivo e tutte le varie opzioni che non vi sto ad elencare.

Fotocamera

Discorso ampiamente trattato nei seguenti articoli

Samsung Galaxy S8+ : Vediamo come scatta le foto!

Samsung Galaxy S8+ : Come registra i video? Direi molto bene, pure con la camera frontale!

Vi riporto le conclusioni

Rispetto a Galaxy S7 la differenza è minima, soprattutto con buona illuminazione. Galaxy S8+ ha colori più vicini alla realtà e si notano più dettagli (effettuando uno zoom).

Gli scatti in notturna sono migliori, hanno un buon bilanciamento delle luci e tendono poco al giallo.

Insomma, una fotocamera che vi darà delle grandi soddisfazioni e che vi accontenterà sotto ogni aspetto, facendovi lasciare a casa la fotocamera compatta 🙂

Batteria

Samsung Galaxy S8+ ha una batteria da 3500 mAh. Dopo diversi cicli di ricarica si è assestata e adesso le sue prestazioni sono più che soddisfacenti.

L’autonomia è di poco superiore a  S7 edge. Con un utilizzo prolungato, si riesce ad arrivare a sera.

Io lo accendo alle 6 e alle 20 mi ritrovo con una percentuale che varia dal 30% al 10%.

Ho lasciato la risoluzione su FHD+ in quanto non si notano differenze e il display consuma effettivamente di meno.

Ricezione

Molto buona la ricezione, sia LTE che 3G. L’audio in chiamata è forte e chiaro, così come il vivavoce.

Dove acquistarlo

Arriverà in tutti i negozi il 28 Aprile, ma se siete impazienti e lo volete subito, su Amazon (ocio al prezzo che sta già calando) e sul sito Samsung, lo potete ricevere con una settimana di anticipo.

Il prezzo ufficiale è 829 euro per Galaxy S8 e 929 euro per Galaxy S8+.

Conclusioni

Samsung Galaxy S8+ ha risvegliato quell’effetto wow che negli ultimi anni si era un po’ perso. L’azienda ha fatto un bel passo in avanti dal punto di vista estetico, riuscendo a mantenere una sua precisa identità lanciata con il Galaxy S6, il dispositivo che ha tracciato la nuova rotta.

Il device si utilizza con piacere, il software è ben ottimizzato e risponde sempre ai nostri comandi.

Peccato per la posizione davvero scomoda del sensore per le impronte, si raggiunge con difficoltà ed è l’unico difetto che ho riscontrato.

Chiudo parlando del prezzo. 

Rispetto ad S7 e S7 edge c’è stato un aumento di 100 euro, giustificato forse dall’aumento di memoria (da 32GB a 64GB) e dalla qualità dei materiali utilizzati. Resta comunque il fatto che la cifra è importante e bisogna tenere in considerazione il rapido crollo dei prezzi che subirà nel giro di pochi mesi.

Acquistarlo al day one comporta sempre questo rischio, se volete risparmiare attendete qualche settimana e aspettate qualche offerta online.

 

A presto!