Facebooktwittergoogle_plus

Dji ha rilasciato ieri il nuovo e atteso firmware (versione 500) per il drone Spark.

Il changelog è sicuramente promettente e diverse funzioni sono state aggiunte e risolte, ma rimane sempre il problema del WiFi debole per gli utenti europei, con la conseguente perdita di segnale video dopo nemmeno 150 metri (con radiocomando) e perdita del drone dopo 80 metri senza radiocomando e con lo smartphone.

Ho registrato un video nel quale vi parlo del nuovo firmware e nell’articolo vi spiego la procedura consigliata per aggiornare il firmware e tutte le eventuali batterie.

Dji Spark dopo l’aggiornamento 500 : No, non ci siamo ancora…

L’aggiornamento del drone si può effettuare sia con l’app Dji Go che con il computer attraverso il programma Dji Assistant, disponibile per Windows e Mac.

Nel forum di Dji i moderatori consigliano di aggiornare il firmware dello spark attraverso Assistant, perchè è l’unico modo per aggiornare anche il firmware delle batterie.

In pratica, se avete due o tre batterie, è consigliato aggiornare il firmware con tutte le batterie.

Ecco la procedura che fatto io :

Avviate Dji Assistant, accendete lo spark e collegatelo al vostro computer.

Appena viene riconosciuto, cliccate sull’icona dello spark e selezionate la voce firmware.

Se avete già aggiornato e avete l’ultima versione, premete il pulsante refresh, altrimenti se avete un vecchio firmware vi verrà proposto subito il nuovo aggiornamento.

Nel caso di firmware già aggiornato, premere refresh serve ad effettuare di nuovo l’aggiornamento, in modo che venga aggiornata anche la batteria.

Alla fine del processo, spegnete il drone e inserite l’altra batteria.

Accendete il drone, collegatelo al computer e vedrete che vi apparirà una finestra con scritto che ha trovato un “Inconsistent Firmware” e che c’è bisogno di effettuare un aggiornamento.

Date ok e attendete la fine della procedura.

Fate questo per ogni batteria.

Se avete il radiocomando, l’aggiornamento è possibile solo con l’app Dji Go4.

Ma questo firmware risolve tutti problemi?

No, non tutti e soprattutto quello più importante.

Cosa va

  • Adesso i selfie in modalità “gesture” sono a piena risoluzione.
  • C’è una gesture per attivare la registrazione del video. Bisogna alzare il braccio a 45° quando il drone è davanti a noi, ma fate attenzione, se lo fate quando è lontano non funzionerà.

  • Si possono scattare le foto panoramiche a 180° e sono uno spettacolo!

  • La funzione active tracking (inseguimento di un oggetto, auto, moto o persona) è stata nettamente migliorata
  • Il drone riconosce più velocemente le gesture, ma bisogna sempre muoversi lentamente. Sono riuscito solo una volta a fare allontanare il drone con il gesto del ciao, poi non ci sono più riuscito :/
  • Quando il drone è lontano e non c’è modo di farlo tornare nemmeno con il gesto dell’ombrello (dicesi vaffanculo), dopo un minuto si abbassa da solo. Era ora.. altrimenti dovevate prendere una scala o aspettare che finiva la batteria.
  • Si può regolare la velocità di movimento del gimbal, funzione comodissima! Io l’ho impostata a 10.

Cosa non va

Il segnale wifi è sempre impostato sui 5.8 Ghz e non c’è ancora modo di bloccarlo sulla 2.4 Ghz. Se avete il radiocomando, dovrete sempre utilizzare questa procedura ed è consigliato il cavetto OTG.

Se avete solo il drone la situazione è ancora peggio, poichè per passare dalla rete 5.8 Ghz a quella 2.4 Ghz, dovrete ogni volta resettare la rete wifi del drone, tenendo premuto per 9 secondi il tasto di accensione (fino a sentire 3 bip). QUI maggiori informazioni

Il risultato finale è il solito, dopo 50 metri il video inizia a laggare, a 100/150 metri schermo nero e mega ritardi nel flusso video.

 

Dji dice che sono a conoscenza del problema e che bisognerà attendere un nuovo aggiornamento FW.

Insomma, due passi avanti e un balzo indietro :/

 

A presto!